Distimia (disturbo depressivo persistente)

distimia

Il disturbo depressivo persistente - chiamato anche distimia - è un disturbo depressivo cronico. Potresti perdere interesse nelle normali attività quotidiane, sentirti senza speranze, essere meno produttivo e soffrire di bassa autostima e sentimenti di inadeguatezza.

Tutto questo può rendere difficile gestire la tua vita, sia a casa che al lavoro. Se soffri di distimia potresti avere difficoltà anche a gioire delle occasioni più felici.

Gestire questi sintomi può essere difficile. La cura della distimia, però, è possibile, grazie ad una corretta psicoterapia e anche all'uso di farmaci quando necessario.

Cos’è la distimia

La distimia o disturbo depressivo persistente è un disturbo depressivo. Rispetto agli episodi depressivi si distingue per una ridotta intensità dei sintomi ma una maggiore durata. Caratteristica della distimia è un umore depresso presente per quasi tutto il giorno, praticamente ogni giorno per almeno due anni. Negli adolescenti e nei bambini per diagnosticare la distimia basta una durata di un solo anno.

La distimia colpisce circa il 2% della popolazione ogni anno. Spesso inizia in adolescenza o nella prima età adulta ed ha un andamento cronico.

Sintomi della distimia

I sintomi della distimia possono avere un andamento ciclico negli anni. Possono andare e venire a seconda dei periodi, con intensità differenti. Solitamente, però, i sintomi non scompaiono per più di un paio di mesi per volta.

A volte puoi andare incontro a degli episodi depressivi prima o mentre soffri di distimia. Questa è chiamata doppia depressione.

I sintomi della distimia (disturbo depressivo persistente) includono:

  • Perdita di interesse nelle attività quotidiane
  • Tristezza
  • Sensazione di vuoto
  • Perdite di speranza
  • Stanchezza o mancanza di energia
  • Bassa autostima oppure sentimenti di inadeguatezza
  • Tendenza all'autocritica
  • Irritabilità o crisi di rabbia
  • Difficoltà a concentrarsi o prendere decisioni
  • Minore produttività
  • Tendenza a evitare situazioni sociali
  • Sentimenti di colpa
  • Rimuginio sul passato
  • Scarso appetito ma anche tendenza a mangiare troppo
  • Problemi a dormire

Complicazioni

Alcune complicazioni della distimia possono essere:

  • Ridotta qualità della vita
  • Depressione maggiore
  • Ansia e disturbi d'ansia
  • Abuso di sostanza
  • Difficoltà relazionali e conflitti familiari
  • Problemi a scuola o a lavoro
  • Scarsa produttività
  • Dolore cronico e altri problemi medici
  • Pensieri suicidi

Cause della distimia

Le cause della distimia non si conoscono. Come per la depressione maggiore e altri problemi psicologici, ci sono diversi fattori che contribuiscono allo sviluppo del disturbo. Tra questi ci possono essere:

  • Genetica: la distimia è più comune nei consanguinei di chi ne soffre. Questo indica che vi sia una predisposizione genetica;
  • Eventi di vita: come con altri disturbi depressivi, alcuni eventi traumatici come la morte di persone care, problemi economici oppure forti stress possono fungere da elementi chiave nello sviluppo della distimia;
  • Chimica del cervello: i neurotrasmettitori - molecole deputate all'equilibrio delle varie funzioni del cervello - giocano un ruolo nella depressione. Alcuni studi mostrano che i cambiamenti in questi funzionamenti possono incidere sulla regolazione dell'umore.

Fattori di rischio

Quando si parla di salute mentale si parla di fattori di rischio piuttosto che di cause. I fattori di rischio sono quegli elementi che possono rendere più probabile che si sviluppi un disturbo..

Tra quei fattori che pare aumentino il rischio di sviluppare la distimia troviamo:

  • Avere un familiare che soffre di disturbi depressivi
  • Eventi traumatici o stressanti come la perdita di una persona amata oppure problemi finanziari
  • Caratteristiche di personalità come un'emotività negativa, bassa autostima, tendenza a dipendere dagli altri, tendenza all'autocritica e pessimismo
  • Una storia di altri disturbi psicologici, come i disturbi della personalità

Il trattamento della distimia

I trattamenti più efficaci della distimia includono sia la psicoterapia che la terapia farmacologica. Le psicoterapie consigliate per questo problema sono la terapia cognitiva e comportamentale e la terapia interpersonale.

Il trattamento psicoterapeutico della distimia

La psicoterapia per la distimia prevede una parte di terapia comportamentale volta a migliorare l'umore e riprendere alcune attività che ti tengano impegnato e migliorino l'adattamento sociale e il funzionamento sul lavoro. La terapia cognitiva invece punta a identificare alcuni modi di pensare automatici e correggerli in modo da non dare peso ai pensieri, non reagire con emozioni negative e ridurre il tempo passato a dare attenzione al problema.

Trattamento farmacologico

I tipi di antidepressivi più comunemente utilizzati per trattare la distimia sono:

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)
  • Antidepressivi triciclici (TCA)
  • Inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina (SNRI)

Parla con uno psichiatra per discutere di un'eventuale terapia farmacologica e dei suoi effetti collaterali.


5
(3)

Come valuti questo articolo?

Clicca su una stella per votare!

Voto medio 5 / 5. Numero di voti: 3

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Informazioni sull'autore

>